Preghiera dei fedeli, cosa accade in Diocesi? L’inchiesta di Vita Trentina a partire dall’appello del vescovo Lauro per una maggiore creatività

Le preghiera dei fedeli dovrebbe essere uno dei momenti di maggiore coinvolgimento dell’assemblea celebrante. Ma il condizionale è d’obbligo: di frequente essa risente infatti di un linguaggio formale, ripetitivo e inevitabilmente generico (quello ad esempio dei classici “foglietti” domenicali), senza agganci a persone e vicende concrete della comunità.

Non a caso, lo stesso arcivescovo di Trento Lauro Tisi si appellò (anzitutto ai preti) nell’autunno scorso, “sottolineando – rammenta il settimanale Vita Trentina nell’ultimo numero – la centralità dell’Eucaristia domenicale, auspicandone una cura comunitaria, non improvvisata”. “Più nel dettaglio – precisa ancora il giornale – l’Arcivescovo aveva disincentivato al momento della cosiddetta ‘preghiera universale’ l’utilizzo di formule preconfezionate da altri (‘mettiamo da parte i foglietti’) e aveva raccomandato, utilizzando anche le indicazioni del Servizio Liturgia della Diocesi, la  preparazione in gruppi di intenzioni ‘pensate’ insieme, riferite anche al contesto locale e alla vita diocesana”.

Che ne è stato di quel desiderio di mons. Tisi?“, si chiede Vita Trentina, andando a “sondare” quanto l’appello sia stato recepito. La ricognizione nelle parrocchie, a firma del direttore Diego Andreatta, è pubblicata a pagina 12. “Da allora – è la risposta più comune degli operatori pastorali – se ne è parlato troppo poco, mentre il tema meriterebbe. Questo, all’interno della Messa, può essere uno dei momenti in cui si sente il vissuto dei laici”.

Leggi tutto articolo di Vita Trentina

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione online questo sito web usa dei cookie, propri e di terze parti, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati.